Padova, pari sofferto con la Cremonese di Mandorlini

Quarta giornata in serie B. Il Padova conquista un pari sofferto con la forte Cremonese di Mandorlini. Simone Francescon ha raccolto le dichiarazioni post partita del mister biancoscudato Pierpaolo Bisoli.

PADOVA-CREMONESE 1-1

Bisoli sceglie il 4-3-1-2, con Broh in campo dall’inizio sul fronte destro e Clemenza a supporto di Capello e Bonazzoli. Mandorlini replica con il 4-3-3, con Brighenti al centro dell’attacco. Parte con decisione la Cremonese e già al 2′, su diagonale velenoso di Strefezza, Merelli devia il pallone in corner. All’8′ è ancora Cremonese, con un colpo di testa debole di Brighenti, bloccato a terra da Merelli. Il Padova prende e campo e, dopo un cross al volo di Broh bloccato con difficoltà da Radunovic, passa in vantaggio al 26′: lo stesso Broh supera due avversari, scende sulla destra e mette in mezzo per Clemenza (in foto), che insacca di piatto destro. Il Padova insiste e al 43′ ancora Clemenza costringe Radunovic alla deviazione in angolo. A inizio ripresa, Bisoli inserisce Guidone al posto di Bonazzoli. La Cremonese prende in mano il pallino del gioco e schiaccia il Padova all’interno della propria metacampo. Al 60′ Strefezza è protagonista di uno splendido tiro a giro, ma Merelli mette in angolo. Mandorlini, a questo punto, si gioca le carte Paulinho e Perrulli al posto di Strefezza e Brighenti e la Cremonese aumenta ulteriormente la pressione. Bisoli risponde con Ravanelli al posto di Cappelletti, ammonito in precedenza. Al 65′ Merelli blocca un colpo di testa di Terranova; due minuti dopo, Perrulli manda di poco il pallone a lato della porta padovana. Al 72′ Merelli si esalta su colpo di testa insidioso di Paulinho. Poi, all’82’, il Padova capitola: su angolo calciato da Perrulli, Castrovilli spizza per Claiton che insacca sotto misura. I grigiorossi insistono e al minuto 88′ Merelli si supea su bordata dai venti metri di Castagnetti. Finisce 1-1 e per i biancoscudati è un punto importantissimo contro una Cremonese forte e ambiziosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *